Log Line

Tra 1909 e 1928, tra le selve del Tropico e serate di gala,
vita e avventure dei fratelli Di Domenico,
viaggiatori e pionieri della cinematografia.

Da un’idea originale di Sandro Bozzolo

Scritto da Sandro Bozzolo, Marco Zaccarelli
Consulente María Cecilia Reyes
Regia di Max Chicco

Una co-produzione
Meibi - Fundación Patrimonio Fílmico Colombiano – Chirimoya Films
2016


Documentario Cinematografico
Durata 80’

Il Progetto

Salón Olympia Los hermanos del cine è un viaggio nella storia di due uomini, Francesco e Vincenzo Di Domenico - emigranti coraggiosi, intelligenti e con grande senso degli affari - capaci di realizzare il loro sogno grazie a una grande forza di volontà e, nel farlo, di influenzare profondamente la società del paese che li accolse.

Nel 1909, comprano a Milano gli strumenti necessari per proiettare, a Parigi firmano un contratto con la società Pathé Frères per l’acquisto dei loro film e s’imbarcano a Marsiglia verso le Antille francesi, Guadalupa, Venezuela, Trinidad e Tobago, Panama. A Bogotá, nel 1912, inaugurano il Salón Olympia e, nei successivi 16 anni, aprono uffici e sale cinematografiche in oltre quaranta città tra Venezuela, Panama, Ecuador e Colombia. Sono los hermanos del cine.

DIRECTOR’S NOTES

NOTE DI REGIA

Salón Olympia Los hermanos del cine è un documentario di creazione, un lungo racconto di azioni, viste attraverso i materiali d’archivio, e di voci. Voci di attori che raccontano le vicende dei protagonisti e accompagnano lo spettatore nella storia, costruita grazie alla lunga ricerca su documenti (lettere personali, memorie, diari e libri) conservati in diversi archivi europei e sudamericani.  Salón Olympia Los hermanos del cine sarà interamente realizzato con i filmati d’archivio girati in Colombia e in Europa nei primi tre decenni del secolo scorso e con fotografie o altre immagini risalenti allo stesso periodo. Non vi saranno interviste, sia perché non vi sono più protagonisti in vita sia per la nostra scelta di realizzare un film oggi come fosse girato allora. Consideriamo il documentario di creazione un medium che permetterà di raccontare le vicende dei fratelli Di Domenico avendo la possibilità di creare una propria poetica senza rinunciare alla veridicità storica. Il nostro progetto sarà “Cinema” in quanto la struttura drammaturgica seguirà le regole dello storytelling cinematografico, dando spazio, grazie al montaggio, ai momenti descrittivi, drammatici, avventurosi e intimi che la loro vita ha avuto.

transmedialità, crossmedialità

Salón Olympia Los hermanos del cine, nella nostra idea, dovrà avere una distribuzione cinematografica (per l’elemento filmico, il ritmo e la drammaturgia), una distribuzione televisiva (il contenuto è adatto alle caratteristiche di programmazione di specifici palinsesti), una distribuzione museale (per esempio nei musei del cinema) e un’ampia divulgazione su tablet e smartphone.
L’aspetto distributivo è molto importante nella visione d’insieme del nostro progetto: alla versione del documentario classico destinato agli schermi televisivi e cinematografici, intendiamo infatti affiancare una “scommessa” multimediale, percorrendo sia la strada del crossmedia (con il documentario interattivo) sia quella della transmedialità (attraverso l’esperienza cinematografica del montaggio da parte dell’utente direttamente).
Lo spettatore smetterà così di essere un soggetto passivo per immergersi direttamente nella dinamica cinematografica “del fare cinema”, mettendo mano al materiale utilizzato per realizzare il documentario. Mescolando i mezzi espressivi, l’utente/spettatore vivrà, attraverso l’esperienza Inside Salón Olympia, l’opera.

La pagina web www.salonolympia.it conterrà tutte le informazioni su Salón Olympia Los hermanos del cine e permetterà all’utente di accedere al documentario interattivo o webdoc, parallelo al documentario lineare (distribuito al cinema e/o televisione), e all’applicazione Inside Salón Olympia, un editor online. www.salonolympia.it sarà una piattaforma multimediale che darà allo spettatore/utente la possibilità di interagire direttamente con il film.

Con il contributo di

Partners

  
      

Un ringraziamento particolare a
Museo Nazionale del Cinema di Torino

Contatti

Meibi Production Company
Turin - Italy
info@meibi.it

www.meibi.it